Consulenze tecniche peritali CTU/CTP Firenze

Questo sito usa cookie. Per saperne di più leggi l'informativa. Proseguendo la navigazione accetti l'uso dei cookie. OK

Come la psichiatria forenze aiuta l'attività giudiziaria

consulenze peritali

La psichiatria forense è l'espressione del rapporto della psichiatria con l'attività giudiziaria e partecipa all'attività della giustizia quando questa esige corrette interpretazioni di quelle norme giuridiche che contemplano situazioni di interesse psichiatrico.

Lo strumento prevalentemente usato da parte dello psichiatra forense per esprimersi è la perizia, soprattutto allorchè si fa riferimento alla capacità di agire, all'imputabilità, alla pericolosità sociale ed anche a quelle condizioni che configurano la posizione di un individuo a cui si attribuiscono i connotati di infermità di mente, stato di deficienza e di inferiorità psichica. L'art. 220 CPP, che si riferisce all'”oggetto della perizia”, così recita: “La perizia è ammessa quando occorre scolgere indagini o acquisire dati o valutazioni che richiedono specifiche competenze tecnicche, scientifiche o artistiche”.

Lo psichiatra può anche esprimersi attraverso la consulenza. In effetti l'ordinamento processuale usa alternativamente i termini perizia o consulenza, a seconda della materia specifica nell'ambito della quale l'assunzione della conoscenza è destinata ad essere utilizzata. La consulenza e la perizia sono infatti dotate di caratteristiche comuni: la competenza, l'ufficialità (entrambe vengono disposte d'ufficio dal giudice), il rispetto del principio del contraddittorio (le parti possono farsi assistere dai propri consulenti) e la libera valutazione dei risultati da parte del giudice.

L'art. 61 CPC, che riguarda il “consulente tecnico”, precisa che: “Quando necessario, il giudice può farsi assistere, per il compimento di singoli atti o per tutto il processo, da uno o più consulenti di particolare competenza tecnica....”.

In pratica il perito e il consulente devono essere dotati di particolari o specifiche competenze per svolgere la loro opera nell'ambito di particolari istituti giuridici, che oltre alla sede civile e a quella penale possono riguardare il diritto penitenziario e il diritto canonico matrimoniale.

In qualunque caso e in qualunque modo si debba rispondere e fornire il proprio giudizio, è opportuno avvalersi di uno schema operativo, che può svilupparsi nei seguenti punti: breve introduzione, con preciso riferimento all'autorità giudiziaria o all'avvocato che ha dato l'incarico o ha richiesto l'indagine peritale; presentazione del caso,che prevede, oltre ai dettagli relativi al reato o al problema da risolvere in sede civile o canonica, l'esposizione della biografia clinica o storia di vita del soggetto da esaminare; accertamenti peritali, che, attraverso l'esame del soggetto e l'uso di test psicodiagnostici, portano a una specificazione diagnostica finale o conclusiva; osservazioni e considerazioni : i dati discussi e rielaborati in questa parte devono essere obiettivi e obiettivabili, poiché porteranno a formulare un giudizio in tema di imputabilità e pericolosità sociale, o di capacità o incapacità a provvedere agli interessi patrimoniali, o di capacità o meno a contrarre il matrimonio. In questo settore si possono fare riferimenti a opere scientifiche e ad analisi cliniche. Infine, nelle conclusioni verranno esposte le risposte ai quesiti posti in relazione al problema da risolvere. E' questa una sintesi espressiva e significativa di tutta l'attività svolta dal perito o dal consulente tecnico.

La valutazione del danno psichico vede una diatriba storica fra diritto e psicologia, che negli anni, e con l'evoluzione giurisprudenziale, si è articolata in nuove definizioni che affiancano quella ... (continua...)

psicoterapeutaleggi tutto



c.f.: SLMRFL70E61I726A, p.iva: 05089430481 | web design by: web agency siti web gallery firenze - informativa cookie - privacy