Gli articoli della dottoressa Salmoria sulla sua attività di psichiatra

Questo sito usa cookie. Per saperne di più leggi l'informativa. Proseguendo la navigazione accetti l'uso dei cookie. OK

Farmaci stabilizzatori dell'umore

blog psicoterapia

Si tratta di una categoria di farmaci impiegati nel trattamento a lungo termine di pazienti affetti da disturbi ricorrenti dell'umore, in particolare nel disturbo bipolare. Il Carbolithium, il valproato e la carbamazepina vengono definiti, per convenzione, stabilizzatori dell'umore di prima generazione. A partire dalla metà degli anni '90, altre tre molecole anticonvulsivanti (lamotrigina, gabapentina e topiramato) sono state utilizzate per il trattamento delle fasi depressive e maniacali del disturbo bipolare; questi composti costituiscono gli stabilizzatori dell'umore di seconda generazione. Anche l'oxcarbazepina viene inclusa in questo gruippo.

Nella pratica clinica tali farmaci trovano ulteriore impiego nelle forme schizoaffettive, e nel discontrollo degli impulsi che caratterizza il Disturbo Borderline di Personalità e I quadri di astinenza da alcool e benzodiazepine. Spesso dunque è indicato il loro uso “off label”.

Alcune linee guida internazionali raccomandano l'utilizzo di uno stabilizzatore dopo un singolo episodio maniacale, in caso di Disturbo Bipolare I con due o più episodi acuti o in caso di Disturbo Bipolare II con cattivo funzionamento, episodi frequenti o rischo suicidario significativo.

In caso di mancata efficacia di uno stabilizzatore è indicata l'associazione di due stabilizzatori o di uno stabilizzatore e di un antipsicotico. La scelta dell'antipsicotico da utilizzare va effettuata sempre tenendo conto del profilo degli effetti collaterali e del rapporto rischio benefici, valutando la situazione fisica del singolo paziente e considerando anche a quale molecola abbia risposto qualora abbia già fatto uso di antipsicotici.

Tema dell'articolo

FarmacoterapiaFarmacoterapia

I farmaci antipsicotici sono utilizzati nel trattamento di quasi tutte le forme di psicosi, comprese la schizofrenia, I disturbi schizoaffettivi, i disturbi affettivi con psicosi e I disturbi psicotic... (continua...)

psicoterapeutaleggi tutto

Si distinguono in base al loro meccanismo d'azione in: Inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina o SSRI (fluoxetina, fluvoxamina, paroxetina, sertralina, citalopram, escitalopram) ... (continua...)

psicoterapeutaleggi tutto

Sono farmaci ad azione ansiolitico-ipnotica, anticonvulzionante e miorilassante.Sono a loro volta suddivisi in benzodiazepinici e non benzodiazepinici. Le Benzodiazepine (BDZ) sono un gruppo di farma... (continua...)

psicoterapeutaleggi tutto



c.f.: SLMRFL70E61I726A, p.iva: 05089430481 | web design by: web agency siti web gallery firenze - informativa cookie - privacy